Curriculum Sintetico - Dario Mancini, inventore, ingegnere ed astronomo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Curriculum Sintetico

Informazioni

Prof. Ing. Dario Mancini's Biographical Information


Professional address:
Osservatorio Astronomico di Capodimonte – INAF
Via Moiariello 16, 80131 Napoli Italy
Phone:  +39 081.5575503
Fax: +39 081.19722675
Mobile: +39 328.1272998

Date of birth:  
July 9, 1956

Place of birth:
Naples (Italy)

Education:  

  • University of Naples Federico II,  Laurea Summa cum Laude 
  • Tesis title: "Full automation of a telescope of the Astronomical Observatory of Capodimonte" 

Position 

  • Full Professor (Astronomo Ordinario) at INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica)

Some scientific activities
  • Invited Professor at the Univesity of Amman (Robotics, Energy, Optics Manufacturing, Advanced Research Programmes)
  • Invited Professor at the ISCAI The International School for Advanced Instrumentation
  • Technical Director and responsible for scientific and technological activities at the Astronomical Observatory of Castelgrande
  • Member of Scientific Comitee and of the TAC of the Castelgrande Observatory Foundation
  • VIMOS Project Science Co-investigator and Responsible of the Full Instrument Design and Manufacturing including optics segmentation and optomechanics (Optics designed by Bernard Delabre)
  • VIMOS Project Responsible for instrument integrated design, structure, subsystems and control system
  • VST Chief Engineer, chief Designer, Deputy Project Manager and responsible for full  telescope  integrated design, all subsystem design and manufacturing
  • TNG Power Plant and Motion Control System Reponsible, Design and Manufacturing
  • Founder, responsible and manager of the TWG (Technology Working Group)
  • Teacher at the University of Naples in Fluidodynamics and Mechanics
  • Teacher at University of Naples in Power Electronics, Power System, Plants, Automation, Control Systems
  • President of Cultura, Sviluppo e Innovazione Association
  • President of PhotoCon Association for Concentrating Photovoltaic Technologies Association
  • Tutor of some companies for Advanced and Applied Reseach Programmes

Main activities in the field of Astronomy

(2000-2015) Progetti OASI e COCHISE in Antartide in collaborazione con il dipartimento di Fisica sperimentale dell'Università Roma3
In collaborazione con Università di Roma 3, ENEA e con la collaborazione di alcune aziende quali Officine Ottiche Marcon ho progettato e realizzato un sistema di movimentazione e controllo innovativo wireless applicato al telescopio Cochise installato in Antartide. Questa soluzione ha consentito la totale eliminazione dei cavi di potenza e controllo e quindi tutti i problemi ad essi correlati, ivi comprese le spese per la realizzazione di un supporto scaldante o per l’acquisto di cavi dedicati in grado di operare alle temperature invernali Antartiche (-87°C). L'attività include il SW di controllo del telescopio che è in montatura altazimutale. Precedentemente ho realizzato il sistema di controllo e movimentazione del telescopio OASI sempre in Antartide che è anche in montatura altazimutale.
I telescopio OASI e Cochise sono installati presso le basi Concordia e Terranova.
  • Ideazione, progettazione e realizzazione del sistema di controllo e movimentazione del telescopio altazimutale OASI
  • Ideazione, progettazione e realizzazione del sistema di controllo e movimentazione del telescopio Cochise.
  • Ideazione, progettazione e realizzazione di sistema di controllo innovativo del telescopio Cochise basato su tecnologia WiFi e alimentazione LiFePo4  anche per i  loop di posizione con rimozione di tutti i cavi di poitenza e controllo.

(2006-2007)In Situ Sensing (ASI in collaboration with Selex Galileo Industries)
In collaborazione con Selex Galileo,  ho curato gli aspetti scientifici, l'ideazione, la progettazione nonchè la preparazione della proposta tecnico/scientifica per la realizzazione di tre telescopi lunari, per l’osservazione dell’universo (Survey), del sistema solare e della terra nell’ambito del programma ASI “In Situ Sensing”. Il progetto riguarda la realizzazione di tre telescopi autonomi e auto-installanti provvisti di proprio carrello e braccio robotico per il maintenance, portato in sito a rimorchio del Rover.

I tre work-packages sono stati così definiti:
  • WP – 1310 - (1.5m) Gregorian Spectro Polarimeter Lunar Telescope (GSPLT) (Priority 1 and 2)
  • WP – 1320 - (2.5m) Solar System Lunar Telescope (SSLT) (Priority 2)
  • WP – 1330 - (6-8m) Wide Field Lunar Telescope (WFLT) (Priority 3)

Il progetto dei tre telescopi lunari ha consentito di limitare il peso come richiesto dalle applicazioni lunari a valori che rientrano nei piani di spedizione. La meccanica basata su materiali compositi, i controlli, l’ottica (segmentata, asferica e estremamente alleggerita), l’allineamento ottico automatico e costante attraverso un sistema innovativo di gestione delle posizioni e forma dei segmenti, l’uso di una struttura esapodica ottimale per applicazioni lunari (problema polvere), l’assenza di organi in rotazione, l’automazione delle fasi di manutenzione hanno posto il progetto in una posizione di interesse tecnologico notevole, anche se poi il programma “In Situ Sensing” è stato dopo pochi mesi temporaneamente fermato a seguito del cambio di direzione ASI.

Study and design of three dedicated telescopes for the Deep Universe Survey, Solar System Study and Sun Observation in the In Situ Sensing ASI program. The ideation, study, design of the integrated systems of the three telescopes have been done by Dario Mancini in a collaborative program with Selex Galileo (FI). 

The 3 studied and designed Payloads are: 
WP – 1310 - (1.5m) Gregorian Spectro Polarimeter Lunar Telescope (GSPLT) (Priority 1 and 2)
WP – 1320 - (2.5m) Solar System Lunar Telescope (SSLT) (Priority 2)
WP – 1330 - (6-8m) Wide Field Lunar Telescope (WFLT) (Priority 3)

They have been analyzed in order to be modular, scalable and based on the same technologies, namely: 

  • mechanics, controls and electronics, optics (segmented aspherical extra-lightweight), optics aligning and phasing system (same system with different parameterization); 
  • hexapod based telescope and instrumentation supporting structure for high flexibility and reliability in all operating conditions and at any destination site;
  • technological gaps are common for all P/Ls;
  • GSPLT and SSLT size, technology and typologies are comparable but focal plane.

  • A scaled fully operative 1-m prototype will be manufactured in order to characterize and validate the three different P/L solutions at the same time. Its capabilities  will be intensively tested. The prototype will be equipped with a CCD camera for imaging and a complete optics phasing and aligning system (segmented optics, embedded and complete control system, embedded power system,completed of all subsystem for autonomous set-up on the ground).

    (2010-2015)In Situ Sensing (ASI in collaboration with Selex Galileo Industries)
    Il progetto di cui sopra, essendo di proprietà intellettuale del sottoscritto, è in fase di  aggiornamernto per la realizzazione di un prototipo scalato (ottiche di 1 m) da testare in camera bianca e poi Antartide. Allo stato attuale sono in corso attività di concertazione delle responsabilità e dei finanziamenti per coprire le attività di ricerca e sviluppo prototipale attraverso la partecipazione di gruppi industriali interessati ad investire nel settore.

    (1998-early 2006) VST (Very Large Telescope Survey Telescope)

    • Telescope ideation detailed and integrated design
    • Chief Engineer and Chief Designer
    • Telescope Design on the base of the science requirements
    • Optics detailed design and opto-mechanics detailed design   
    • General manager, deputy project manager and program manager (Project Manager = Giorgio Sedmak)
    • Founder, manager and tutor of the VST working group
    • All Tenders preparation and management
    • Management of critical phases and of PDR and FDR phases
    • All subsystem detailed and integrated design and development 
    • Management of the relationships betweeb ESO and the Project
    • Optics detailed design and technical specifications for LZOS for all optical train
    • Active Optics design and manufacturing
    • Telescope full integration, activation and test
    • Structure (telescope structure, telescope structural analysis, hydrostatic system) design, manufacturing and integration
    • Control system (switchboard, control sistem, power system) design and realization
    • Encoder system design, integration and test
    • Motion control system design and development
    • Hydrostatic system design and manufacturing
    • Active optics actuators design and development
    • Hexapode integrated design and development
    • Focal plane design and development (all subsystems, SH, Track camera, rotator)
    • Management of critical phases and of PDR and FDR phases
    • Management of the relationships between ESO and OAC (MOU, ICD, PDR, FDR, Critical Phases)
    • Manager and responsible of the tecnical interaction with LZOS
    • Manager of the integrated system models and simulations
    • FEA model design and optimization
    • Integrated design of telescope and detailed design of all telescope subsystems
    • Management of the Error Table and of the strategy of error repartition among optics, optomechanics, mechanics and control in the telescope/camera interfacing (Omegacam windows is the last lens corrector of the VST optical train)


    (2000-2006) OmegaCam (for the VST)

    • Manager and responsible of the interface between Telescope and Camera (ICDs)

    • Ideation, design and development of the telescope interface to the camera (all levels)

    • Management of the Error Table and of the strategy of error repartition among optics, optomechanics, mechanics and control in the telescope/camera interfacing (Omegacam windows is the last lens corrector of the VST optical train)


    (1998-1999) TT#2 (Survey Telescope for Paranal ex VST)
    • Telescope ideation and detailed integrated design

    (1998-2003) VIMOS (Visual Multi Object Spectrograph)
    • Project manager for the PDR and FDR phases
    • Instrument responsible and manager (Mechanics, Optomechanics and Control System)
    • Co-investigator in the VIRMOS consortium
    • Instrument ideation, detailed integrated design and development in Naples
    • Integrator and Manager of Integration of the instrument at OHP
    • Integration and Manager of Integration of the instrument at Paranal
    • Management of test and of final acceptance in France (OHP) and at Paranal (VLT - UT#3)

    (1998-2003) NIRMOS (Near Infrared Multi Object Spectrograph)
    • Instrument responsible and manager (Mechanics, Optomechanics and Controls) for the Preliminary Design
    • Co-investigator 
    • Instrument ideation and integrated design vs cooling
    • Cooling system design and prototyping (frigo cycle and peltier systems comparison down to -42°C)

    (2001-2003) GOHSS (Galileo OH Suppressor Spectrograph for the TNG Telescopio Nazionale Galileo)
    • Co-Project Manager

    • Ideation, integrated detailed design of the spectrograph vs cooling

    • Supervision of Instrument integration and test in the workshop

    • Consultant for the cryogenic design and development


    (1986-1998) TNG (Telescopio Nazionale Galileo)

    • Ideation, Design, Manufacturing and Responsibility of  telescope Control and Motion Systems
    • Ideation, Design, Manufacturing and Responsibility of telescope encoder systems
    • Ideation, Design, Manufacturing and responsibility of Nashmit rotators Mechanics, Control and Motion Systems
    • Ideation, Design and realization of the low Level Control and drive system SW and Firmware
    • Ideation, Design and responsibility of TNG (telescope and dome) power system from MT to BT
    • Design and responsibility of TNG lighning protection system
    • Above Systems integrated design and development
    • Ideation, Design and realization of the low level motion control SW in collaboration with Sierracin Magnedyne (Kollmorgen - USA - CA)
    • Responsible of motion control system integration at Ansaldo (Milan)
    • Responsibility of drive and motors design and development phases in USA  (Sierracin Magnedyne Kollmorgen - CA)
    • Motor Manufacturing and Characterization (Sierracin Magnedyne Kollmorgen - CA)
    • Responsible of integration, test and start-up of the above TNG systems at Roque de Los Muchacos Observatory


    (1995) Site testing and DIMM Tower for IAC  (Differential Image Motion Monitor) 
    • Ideation, Design, development and Installation of the IAC Tower for the DIMM at Paranal 
    • Ideation, Design and integration of a intrinsically rigid enclosure for the IAC DIMM
    • Integration of the DIMM, site test and monitoring for the TNG and GTC sites charactrization and validation


    (1995) DIMM Tower for VLT  (Differential Image Motion Monitor) 
    • Ideation, Design, development and Installation of the ESO VLT Tower for the DIMM at Paranal 


    (1994-1998) DIMM for  TNG (Differential Image Motion Monitor)

    • Ideation, Design, development and Responsibility of  the DIMM

    • Ideastion, Design, development and Responsibility of  the DIMM innovative tower

    Il DIMM non è stato utilizzato ed è stato abbandonato dalla direzione del TNG. Chi è interessato all'argomento mi contatti.

    (1987-2000) Other Projects

    VST Encolosure design supervisor for ESO (restriction on motion system applied)

    Marte 94-96 - Ideation, Design and development of the test prototype of the Interferometer (with reference channel) (in collaboration with CNR, UNIPD, Moscow University, IFSI)
    GAMT (Gamma-Ray Air-Cherenkov Multiple Telescope) Ideation and design of telescope array

    T.I.R. Telescopio Infrarosso su pallone stratosferico. Progetto del telescopio per studi dell'anisotropia del fondo cosmico (De Bernardis, all'Oglio, Melchiorri)

    (1990-2008) TT#1 (Toppo Telescope n.1) 


    Attenzione, per chi è interessato all'argomento TT1 dal 2009 ad oggi, raccomando di richiedere al mio indirizzo di posta dariomancini@dariomancini.com la documentazione che mostra le problematiche gestionali del progetto stesso, dopo la dissennata gestione del sito e di boicottaggio delle attività tecnico/scientifiche da parte dei soci della fondazione.  Sarò ben lieto di fornire copia dei documenti che sono al vaglio di una commissione.


    (2005 - 2009)  TT1 and Instrumentation Completion, commissioning and start-up  

    • Technical Director of the Astronomical Observatory of Castelgrande

    • Staff formation for the commissioning phase

    • All Plants completion (Station, Telescope, Dome)

    • Control Software design and realization

    • Commissioning management

    • Subsystems and auxiliaries fine tuning and optimization

    • Astronomical activities and documentation preparation and management

    • System fine tuning, fine alignment and Start-up


    (2001)  TT1 Final Integration of telescope structure and optics

    • Integration on pillar of telescope structure

    • Integration of optics in the telescope

    • Completion of the rotating enclosure

    • Telescope inauguration


    (1994 - early 1996)  TT1 Development

    • Telescope final integrated design, realization and integration in the workshop
    • Telescope inauguration in the workshop


    (1990 - 1992)  TT1 and Observatory full integrated Design  

    • Project Responsible

    • Management of all activities for telescope, station, dome

    • Telescope ideation, integrated and manufacturing

    • Dome and astronomical station detailed design (civil work, plants, details)

    • Integrated detailed design of telescope, instrumentation, enclosure, auxiliaries

    Note generali ed altre attività di ricerca scientifica ed industriale


    Queste note saranno da me riordinate nel tempo. Mostrano la varietà delle attività di ricerca da me svolte negli anni.


    (up to (2015) Chirurgia Mininvasiva

    Ideazione un sistema di navigazione per l'ottimizzazione delle operazioni mininvasive della protesi totale d'anca. Sviluppo di un navigatore per il controllo delle fasi più critiche dell'operazione, rese appunto critiche dalle metodologia mininvasiva. Al contempo il sistema consente di minimizzare gli errori ed i tempi di impianto diminuendo drasticamente le probabilità di rigetto. La prima fase del progetto consiste nel testare le varie metodologie e quindi il supporto delle attrezzature durante la fresatura ottimizzata della sede dell'anca e per il posizionamento corretto del cotile, per il taglio della testa del femore bilanciando la lunghezza dell'arto ecc. ecc. fino al completamento dell'operazione. Una sezione del sistema mantiene la conoscenza della posizione 3D del bacino rendendo indipendenti le operazioni da inevitabili spostamenti del bacino. Il sistema non è statico ma dotato di intelligenza che consente fasi di apprendimento rapido. Ciò consente anche di ampliare nel tempo le capabilities della macchina che si evolve durante i vari interventi.  La seconda fase del progetto consiste nel trasportare su automa la maggior parte delle metodologie in modo da consentire l'operatività automatica da parte di un robot.
    La terza fase del progetto consisterà nell'estendere le capabilities del sistema anche ad altre tipologie di operazione, rendendo i sottosistemi  indipendenti dal tipo di operazione da effettuare. Questa fase si raggiunge parametrizzando molti aspetti del sistema e rendendoli quindi indipendenti dalla tipologia dell'operazione e dalle capabilities del chirurgo.


    (up to 2015) WWL (World Wide laboratories). Management (strategies, methodologies, marketing, man power and work-flow management)
    • (up to 2015) WWL (World Wide laboratories) Il WWL è un esempio di organizzazione manageriale da me progettata per la gestione delle commesse ed i progetti, ad alto livello di automazione nel controllo delle risorse e del work flow. Nell’ambito del WWL l’automa “Project Surfer” rappresenta lo strumento di controllo che consente una elevata automazione nella gestione delle informazioni gia dalla fase della progettazione del percorso operativo per un dato progetto, supportata dal tool Project Surfer. Il Project Surfer opera in contemporanea su più progetti paralleli ed a differenti stadi evolutivi, e rappresenta quindi uno strumento che consente non solo di analizzare in real time ma anche di intervenire nei vari livelli della scala gerarchica nell’ambito di un’organizzazione operativa, affinché i programmi, commesse o comunque un progetto, possano raggiungere gli scopi preposti con il minimo scostamento dei tempi e costi stabiliti nella fase di gestione rispettando le milestone. Naturalmente il tool prevede la selezione di personale idoneo allo svolgimento dei programmi.
    • Project Surfer is the name of the tool invented by Dario Mancini to be used in the field of management of complex, multidisciplinary and contemporarely projects. Sntific and Industrial Projects goal is to complete successfully all the activities in the scheduled time. To obtain these results  it is necessary to be innovative in strategies, starting to remove,   first of all, the bottlenecks that are identified, generally only at the end of the project, as the cause of general unsatisfaction. Extensive experience in transversal scientific and industrial fast track projects gave Dario Mancini   the possibility to improve advanced strategies for project management and parallel integrated  design, merged in a sort of unique optimized task. The activities in management include innovative strategies for project   organization and management to achieve the goal with success in the shortest time also in case of   multiple projects at different phase levels. The applied research done in the field also provides suggestions on how to select key project staff, organize manpower and all background activities that are necessary to accomplish the project by the deadline. In addition  information about special fuzzy tools for the automatic management of the articulated multiple micro-actions to save time to be better invested for high level management have been studied and implemented.


    (up to 2015) Optics

    • Ideation, study, design and realization of a machine tool CCPM-1500 able to gring and polish spherical and aspherical on and off axis with a new methodology that is based on the variation of the pressure applied on the machining tools. The machine works optics by using standard, medium, small and very small tools and is also provided with the ability to automaticallyu apply the interferometer  feedback on the surface under polishing.

    • Ho progettato e realizzato un robot per lavorazioni ottiche a feedback interferometrico. Le dimensioni delle ottiche possono raggiungere 1.7m di apertura e il robot può lavorare più ottiche contemporaneamente passando da modalità di lavoro polare a cartesiana. La macchina CCP (Computer Controlled Polishing) attualmente installata presso SelexGalileo di Calenzano (FI) attua dei programmi di lavorazione in piena autonomia sulla base del target di lavorazione e di periodici controlli dell'errore superficiale delle ottiche lavorate attraverso misure interferometriche.
    • Attualmente ho ideato un sistema di analisi dell'errore superficiale non interferometrico che fornisce la mappatura dell'errore superficiale a costo ridotto e soprattutto quasi esente dall'errore determinato dalle vibrazioni locali. Quindi meno restrittivo e più economico del sistema interferometrico. Esso potrà essere fissato alla testa della macchina operatrice effettuando l'analisi superficiale in tempi ridotti e senza interrompere a lungo la lavorazione per l'attivazione dei test interferometrici.


    (up to 2015) Hydrogeny
    • E' In fase di sperimentazione un reattore per la produzione on demand di indrogeno a basso consumo di energia, in modo da evitare lo stoccaggio dell'idrogeno.


    (up to 2015) Ambient and Social Security

    • Devices for territory and ambient protection against fire and terrorism. Ideation, design and manufacturing.

    • Ideazione e progettazione di un sistema unmanned per la prevenzione e lo spegnimento incendi in fase embrionale.
    • Sistema intelligente per la gestione e monitoraggio a distanza degli anziani e dei pazienti.
    • Sistema di scan non invasivo per la ricostruzione 3D ad alta risoluzione dei tessuti ossei.


    (
    up to 2015) Medicine

    • Methods and devices for monitoring and control. Intelligent artificial arts. Computer Aided Diagnostic. 

    • Sistema di dosaggio automatico della somministrazione di ossigeno a pazienti in terapia intensiva e scarsamente reattivi.
    • Sistema di controllo remoto, di gestione delle emergenze, delle attività fisiche e della situazione clinica in pazienti anziani.
    • Sistema automatico per la definizione delle cause e dell'ottima somministrazione di farmaci per pazienti affetti da ipertensione arteriosa.
    • Ideazione di protesi  poco invasive da impiuantare per l'articolazione del ginocchio.


    (
    up to 2015) Automotive

    • Various devices and systems for motion and security such as a controller for e-bike and e-scooter ables to optimize the performances and utilization under LiFePo4 cells power source. La centralina viene gestita  da smartphone sotto Android e il SW della apk è stato realizzato in Java. E' stato utilizzato un PIC per la gestione della centralina, che oltrre che gestire le funzioni utente provveder alla generazione del PWM per il drive mosfet del motore. La gestione della potyenza viene effettuata per mezzo di sensore di coppia integrato nel motore.

    • Ideazione di auto intelligente a propulsione ibrida.


    (up to 2015) Energia/Energy

    ENEANella prima metà degli anni 2000, ho progettato e gestito scientificamente  grandi tracker di precisione da 60mq per la caratterizzazione di moduli fotovoltaici a concentrazione (CPV) attualmente in funzione presso le sedi ENEA di Portici e Manfredonia. Ho ideato anche un piccolo tracker  tracker per la caratterizzazione dei moduli CPV utilizzato da ENEA per la certificazione dei componenti prodotti da terzi.
    I tracker sono molto peculiari e possono operare in precisione a velocità del vento anche superiori a 90km/h  con errori ridottissimi. Questo grazie ad uno studio strutturale particolare che consente una compensazione passiva degli errori meccanici. I tracker  sono estremamente precisi in quanto rappresentano dei veri e propri banchi di test all’aperto. La precisione di tracking raggiunge valori prossimi a quella dei telescopi moderni.
    TELERMA - In collaborazione con l’Università del Sannio ho realizzato il progetto Telerma, finanziato dalla Regione Campania, elemento essenziale per l’evoluzione del mercato della compravendita di energia. Il sistema consente il controllo remoto di nodi di generazione ibridi, ossia dove sussiste la contemporaneità di generatori di varia tipologia con gestione parametrizzata e intelligente dei costi dell'energia;
    REGIONE BASILICATA - In collaborazione con la Regione Basilicata, l’università della Basilicata e con il CNR di Tito, ho presentato il progetto “Una Smart Grid per Castelgrande” progetto di rilievo internazionale nel settore dell’energia. Parte del paese che si trova a pochi km dall’Osservatorio di Castelgrande, sarà gestito in un regime di ottimizzazione e razionalizzazione dei consumi e della produzione. Saranno installati grandi tracker CPV, per un totale di circa 300kW, presso l’Osservatorio annullando il problema delle necessarie risorse energetiche ed alimentando parte del paese attraverso la linea MT presente in Ossevatorio. L’energia in esubero sarà riversata e venduta alle utenze del paese che provvederanno a riversare verso l’Osservatorio l’energia di cui abbisogna. Nell’ambito del progetto saranno utilizzati alcuni brevetti in corso di registrazione a nome del sottoscritto che riguardano sistemi di gestione, di produzione energetica.
    SMART GRID, SMART CITIES and SMART SYSTEMS 
    • Ideazione di un sistema di recupero energetico e trasformazione in energia elettrica da installare nele abitazioni rurali.
    • Ideazione di centrale ibrida di produzione dell’energia da utilizzare in situazioni estreme 
    • Motore ibrido a tre stadi per il trasporto urbano ed extraurbano ad elevatissimo rendimento
    • Ideazione di sistema di protezione dai colpi di sonno ed interazione con i sistemi di navigazione per la correzione della traiettoria

    (1984-2009) Robotic Telescopes

    • (1988-1989) Automation of  Astronomical Observatory of  Perugia Equatorial Telescope (Formez Felloship)
    • (1993-2006) Automation of several Marcon Company Telescopes 
  • (2000) Automation of  Antarctica Telescopes (OASI and Cochise telescopes) (University Roma-3/ENEA)
  • (2003) Study, Research and realization of  the advanced Magellan Professional Series Controllers for the robotization of ALTAZ and Equatorial Telescopes and their auxiliaries
  • (2000-2009) Specialization of the TT#1 telescope control SW 
  • (2004) Refurbishing of the Antarctica Telescope Control SW with the New Magellan Control SW under Visual Studio
  • (2006-2007) Design and realization of the Cochise Antarctic Telescope  Control System and integration of Magellan Control SW for telescope robotic utilization and remote control.
  • (2007) Design and development of the version 3.0 of the standardized model  for robotic telescope Magellan 10 for ALTAZ telescope, all auxiliaries and instrumentation
  • (2008) Realization of the CRT (Castelmauro Robotic Telescope) for the Astronomical Observatory of Castelmauro (CB)

  • Know How Transfer and Personnel Training
    Durante la mia carriera ho svolto attività di formazione dei collaboratori ed intensa attività di trasferimento di know how verso le aziernde. Sono anche state riorganizzate aziende in difficoltà che sono attualmente operative e collaborano con ESO ed altri Enti di ricerca, come ad esempio la Marotta S.r.l. che ha realizzato a disegno quasi la totalità dei componenti meccanici del VIMOS.  Ho attuato quindi un intenso trasferimento di know how sia verso il terziario che verso i miei collaboratori, da me formati direttamente sul campo. Per quanto riguarda l’attività di formazione dei collaboratori, questa è stata attuata con metodi non tradizionali e direttamente sul campo, proiettando da subito il collaboratore nelle problematiche più complesse di sistema. Dal punto di vista operativo tale attività ha richiesto uno forzo notevole soprattutto per evitare che gli errori derivanti dalla fase di apprendistato potessero compromettere i progetti in corso. La scelta di inserire neolaureati nei progetti è stata forzata dagli eventi, in quanto non è stato possibile, contrariamente alle mie richieste, inseriure tecnici di alto livello nei progetti. Ad esempio per il progetto VST fu da me indicato il piano del personale che includeva tecnici senior che avrebbero operato in modo professionale. Il management del progetto ha invece deviato verso la soluzione dei neolaureati richiedendo al sottoscritto sforzi che ora direi insestimabili, con in alcuni casi gravi conseguenze sul progetto stesso, sia dal punto di vista gestionale che operativo. La formazione è stata di tipo industriale consentendo a molti collaboratori, i più bravi, l'ingresso in aziende di rilevante importanza al momento della scadenza dei contrati, come nel caso della Fiat Ricerche, Cira, Selex Galileo. Altri collaboratori sono invece rimasti in OAC. 

    (1984-2009 ) Alternative Energies and  Power Quality Management 
    • Science and technology applied research
    • Solar, Wind, Hydrogen, Methane, Hydroelectric  Energies production and hybrid management of co-generation  
    • Small, medium, large and very large precise trackers for solar concentration photovoltaic panels and thermic solar mirrors 
    • Innovative concentration solar photovoltaic panels (up to 40% efficiency)
    • Grid connected trackers for solar concentration and/or standard fotovoltaic panels up to 1000GW  
    • Intellingent controllers for trackers and power system management (grid and stand alone) 
    • Remote power system control and robotized maintenace  
    • Hybrid power system design, realization and management 

    (2000) Advanced test and measurement tools
    Industrial and laboratory products realized
    • (2000) Study of the effect of meteorite impacts with the payload and traiectory of the payload itself after the impact. Study of the transfer function to be reproduced in the test tool axes control software. Design of the control software and of the control hardware. Design and development of the HW/SW interface for the motion controll of the test tool. Design and realization of the interface between the tool and the output of the satellite camera to drive the function for satellite stabilization after the impact. Satellite test tool - ALTAZ test bench for the test and startup of satellite CCD camera unit. 0.04 arcsec resolution/repeatibility - 30 deg/sec pointing speed for both axes
    • (2008) Upgrade and refurbishing of SW coding under Visual Studio by  an applied research and development of the new SW (with fuzzy control rules) 
  • (2007-2009) Study and implementation of a low cost and no contact sub-micron measutring system 

  • Books

    • Proceedings of the WILF'95 Italian Workshop on Fuzzy Logic 1995", World Scientific, 1996 (link)

    • Proceedings of the International Joint Workshop on Current Issues Fuzzy Technologies/methods and Environments for Planning and Programming, CIFT/MEPP'96, World Scientific, Oct, 1997 (link)


    Pubblications (link)

    Last update: January 2009

     
    Torna ai contenuti | Torna al menu